home benvenuti pof sede succursale calendario gallerie foto contatti cerca
Home Benvenuti

PTOF

Sede

Succursale Calendario Foto Contatti Cerca nel sito
bacheca sindacale amm_trasp albo CLIL modulistica ecdl
fad
google
office
Bacheca sindacale

Amministr. trasparente

Albo pretorio CLIL Miur Modulistica ECDL
Moodle Google Suite
Office 365

Corsi

Con l'anno scolastico 2010/2011 è entrata in vigore la riforma dell'istruzione secondaria superiore. Il nostro Istituto è diventato un Istituto Tecnico Economico, con l'indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing.

Dopo un biennio uguale per tutti gli studenti, nel triennio si può scegliere fra tre articolazioni:

  • Amministrazione, Finanza e Marketing;
  • Relazioni internazionali per il Marketing;
  • Sistemi informativi aziendali.

Per le materie e i quadri orari del biennio unitario e delle tre articolazioni del triennio si può consultare questo documento.

Per uno sguardo d'insieme sui nuovi corsi si può esaminare il regolamento approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri.

I Profili educativi, culturali e professionali degli studenti sono presentati in questo documento.

Ulteriori informazioni sui nuovi istituti tecnici sono contenute nel seguente link.

Che cos'è l'indirizzo Amministrazione, finanza e marketing?

L'indirizzo Amministrazione, finanza e marketing attraversa tutti i settori produttivi: riguarda attività che interessano qualunque organizzazione aziendale.

Sono i diplomi più richiesti dalle imprese: 75.900 assunzioni nel 2009, +1% rispetto all’anno precedente.

Le figure più ambite dal mercato del lavoro sono professionisti di grande apertura mentale, con capacità tecniche e culturali costantemente aggiornate, chiamati a proporre ed attuare soluzioni innovative, in grado non solo di mantenere l'azienda sul mercato, ma anche di migliorarne costantemente la performance. Le diverse aree aziendali sono sempre più integrate, perciò le persone devono essere disponibili ad assumere nuovi ruoli organizzativi e a gestire nuove tecnologie per una diversa cultura del lavoro.

Che cosa offre l'indirizzo Amministrazione, finanza e marketing?

L'indirizzo Amministrazione, finanza e marketing offre una solida base culturale e competenze tecniche per operare nel sistema aziendale, utilizzare gli strumenti per il marketing, gestire prodotti assicurativi e finanziari e lavorare nel settore dell’economia sociale.

Si impara a:

  • applicare i principi generali della programmazione e del controllo di gestione;
  • orientarsi e operare nei mercati finanziari;
  • operare nel sistema delle rilevazioni aziendali con una visione d`insieme.

Per comunicare con clienti, fornitori, colleghi che operano all’estero bisogna:

  • sapere bene l’inglese e una seconda lingua;
  • conoscere i principi economici e giuridici nazionali, europei e internazionali;
  • tenersi costantemente aggiornati sulle nuove norme.

L'indirizzo dà ampio spazio all’informatica.

Dopo il primo biennio, le competenze tecniche e professionali si sviluppano all’interno di tre distinte articolazioni: Amministrazione, finanza e marketingRelazioni internazionali per il marketing e Sistemi informativi aziendali.

Che cosa e come si studia?

Al diploma si arriva in cinque anni: i primi quattro suddivisi in due bienni e un quinto anno finale.

Gli apprendimenti sono articolati in:

  • un’area di insegnamento generale, con discipline comuni agli indirizzi del settore;
  • aree di indirizzo specifiche, per formare le competenze tecnichee operative collegate agli ambiti produttivi.

Nei primi due anni, si studiano: Italiano, Inglese, Storia, Matematica, Diritto ed Economia, Scienze della Terra, Biologia, Scienze motorie e sportive, Religione cattolica o attività alternative.

Fisica, Chimica, Geografia, Economia aziendale, Informatica e seconda Lingua comunitaria sono discipline specifiche comuni ai tre indirizzi del settore Economico.

Dal terzo anno aumentano le ore dedicate all’acquisizione delle capacità operative collegate al settore: Economia aziendale, Diritto ed Economia politica.

Un  ruolo cruciale hanno i laboratori, ma anche gli ambienti di lavoro dove ogni alunno frequenta stage, tirocini, alternanza scuola-lavoro.

Le ore settimanali saranno meno che nel passato: 32 a settimana, ma saranno ore effettive di 60 minuti. In totale, 1056 ore di scuola all'anno.

Grazie all’autonomia, gli istituti tecnici hanno l’opportunità di modificare fino al 20% dell’orario annuale delle lezioni per realizzare attività e insegnamenti facoltativi.

Gli studenti scelgono le opzioni a conclusione del primo biennio.

Nel diploma finale, rilasciato con l’esame di Stato, sono certificate le competenze del profilo generale e quelle acquisite con le opzioni.

Perché scegliere un istituto tecnico?

Ma perché le famiglie dovrebbero scegliere per i propri figli i percorsi degli istituti tecnici?

Molti i vantaggi:

  • maggiore probabilità di trovare lavoro e in tempi più brevi;
  • tassi di occupazione più alti;
  • remunerazioni più elevate.

Per chi sceglie di proseguire gli studi negli istituti tecnici superiori - ITS - o nei corsi universitari coerenti con i diplomi tecnici, si aprono ulteriori prospettive occupazionali.

Secondo i dati Excelsior di Unioncamere, nella “top ten” delle figure più difficili da reperire ci sono gli addetti alla gestione, amministrazione e controllo, al marketing e alla comunicazione, alla consulenza fiscale, ai servizi commerciali. Per ogni addetto trovato, e assunto, ne servirebbero tre.

Attualmente vi sono ancora alcuni corsi in esaurimento, previsti dalla normativa precedente alla riforma.

Per esaminare in dettaglio i corsi offerti dall'Istituto, si possono consultare queste pagine:

Corsi attivati al Bertrand Russell

Corsi attivati all'Aldo Moro

Corso Polis (rientro in formazione).

Ultimo aggiornamento (Domenica 06 Gennaio 2013 19:00)